REGIONALI, FDI: BECCALOSSI, DE CORATO E DOTTI HANNO INCONTRATO FONTANA. CONCORDI SU PROSEGUIRE BATTAGLIE DI FDI CONTRO OCCUPAZIONI ALER E MOSCHEE ABUSIVE

11 gennaio 2018 “Questa mattina, a Palazzo Pirelli, il candidato presidente della Lombardia Attilio Fontana ha incontrato gli esponenti di Fratelli d’Italia in Regione, l’assessore al Territorio Viviana Beccalossi, il presidente Riccardo De Corato e il consigliere Francesco Dotti.

Insieme hanno valutato le leggi, i progetti e gli impegni portati avanti da Fdi durante questa legislatura e hanno focalizzato i punti del programma più cari a Fratelli d’Italia.

Viviana Beccalossi ha ricordato che la Lombardia è stata la prima regione italiana a varare una legge contro la ludopatia e Attilio Fontana ha concordato sul fatto che una battaglia così importante sarà sicuramente portata avanti nella prossima legislatura. Riccardo De Corato ha sottolineato che un impegno fondamentale è la sicurezza, come Fratelli d’Italia ha dimostrato in questi cinque anni in cui ha chiesto più telecamere nelle città e più investimenti in questo senso. In questo contesto è stato ricordato anche il lavoro dell’assessore e dei consiglieri sul tema delle moschee: Regione Lombardia, attraverso una legge che regolamenta i luoghi di culto, è riuscita ad arginare tutte le situazioni che nella migliore delle ipotesi erano ‘border line’ e nella peggiore di palese illegalità. Importante anche il tema degli inteventi in provincia di Milano, in particolare quelli riguardanti il trasporto pubblico locale. Francesco Dotti ha ricordato i piccoli comuni di montagna, ai quali ha dedicato il suo lavoro in Consiglio.

Il candidato presidente Fontana si è trovato d’accordo con ogni battaglia di Fdi, così come ha condiviso la necessità di lavorare pancia a terra sull’Aler e in particolare sulla lotta alle occupazioni abusive.

Gli esponenti di Fratelli d’Italia hanno infine assicurato il loro pieno appoggio a Fontana, così come già ieri ha fatto Giorgia Meloni”.

 

 

ELEZIONI REGIONALI, DOTTI: “SORPRESO DALLA DECISIONE DI MARONI. CENTRO-DESTRA COMPATTO”

Milano 8/01/18 - “Questa mattina il presidente Roberto Maroni ha ufficializzato che non correrà per un secondo mandato alla guida di Regione Lombardia. Maroni ha parlato di “decisione personale” e come tale va rispettata, anche se sono rimasto sorpreso da tale decisione del presidente, dopo cinque anni di buon governo da parte sua e della sua Giunta, supportati da una maggioranza in Consiglio regionale sempre molto propositiva. Cinque anni molto intensi in cui Regione Lombardia ha sicuramente dettato “la linea” su molti temi, alcuni dei quali riguardano da vicino anche il territorio comasco. Cito gli interventi contro il dissesto idrogeologico (argomento su cui l’assessore regionale al Territorio, Viviana Beccalossi, si è spesa a fondo), l’importante incremento di arrivi alla voce “turismo”, la riapertura del lungolago di Como, l’anticipo dei contributi Pac per gli agricoltori, i fondi per interventi straordinari nella sanità oltre al tema montagna, senza dimenticare la costante attenzione alle tematiche “di confine” (frontalieri e ristorni) e il grande impegno per ottenere il via libera – con tanto di finanziamenti – alla variante della Tremezzina. Il centro-destra è compatto e determinato a vincere in Lombardia, come a livello nazionale”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo l’annuncio di questa mattina del presidente Roberto Maroni.

 

DISTRETTO TURISTICO CENTRO LARIO, DOTTI: “PASSO IMPORTANTE PER AUMENTARE L’ATTRATTIVITA’ DI UN TERRITORIO RICONOSCIUTO NEL MONDO COME UNICO”

Milano 18/12/17 – “La Giunta regionale ha dato oggi il via libera all’istituzione del Distretto Turistico del Centro Lario. Si tratta di un passo importantissimo per aumentare l’attrattività di un territorio riconosciuto nel mondo come unico. La richiesta a Regione è giunta a firma dei Comuni di Tremezzina, Bellagio, Menaggio e Varenna, dell’Associazione Albergatori Val Menaggio, dalla neonata Associazione Turistica Tremezzina, Operatori Turistici Varenna e Promo Bellagio. Alla Conferenza di Servizi hanno poi partecipato anche le Province di Como e Lecco e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Questo per dire che attraverso una regia unica si è lavorato alla costituzione del Distretto, che ora avrà quale ultimo passo il riconoscimento da parte del Ministero del Turismo. In questi mesi, mi sono più volte confrontato con l’assessore regionale allo Sviluppo Economico (con delega al Turismo) Mauro Parolini e con l’assessorato affinché il Distretto turistico del Centro Lario potesse avere a stretto giro il riconoscimento della Regione. Tra gli obiettivi del Distretto: aumentare la competitività turistica del territorio di riferimento, sostenere progetti di aggregazione e integrazione tra le imprese del comparto turistico, ma anche tra gli esercizi commerciali e semplificare una burocrazia spesso complessa. Ora la parola passa a Roma”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo il via libera della Giunta regionale al riconoscimento del Distretto Turistico del Centro Lario.

RISTORNI FRONTALIERI, DOTTI: “ALLA PROVINCIA DI COMO 6 MILIONI DI EURO PER STRADE E SCUOLE. DA REGIONE FATTI CONCRETI, DAL GOVERNO SOLO PAROLE!”

Milano 4/12/17 - “Mentre il Governo continua a giocare a carte coperte quanto al destino dei nuovi Accordi fiscali tra Italia e Svizzera, Regione Lombardia risponde con 14 milioni di euro, somma attribuita alle Province in base ai ristorni dell’annualità 2015 (e in quota parte del 2014). Alla Provincia di Como sono stati assegnati 6 milioni 128 mila 200 euro che verranno utilizzati per la manutenzione di strade e scuole, ma anche per opere sul territorio. In questo momento non servono le parole, ma i fatti. A queste risorse, si aggiunge la fetta

più grande ovvero 22 milioni 867 mila euro euro per i Comuni della provincia di Como, ripartiti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’ho già ripetuto più volte in passato: si tratta di risorse fondamentali per Comuni e realtà di confine. Per questo non possiamo che essere preoccupati per il nuovo accordo fiscale, che non prevede più l’attuale meccanismo dei ristorni. Sono soddisfatto infine che questa mattina il presidente Roberto Maroni abbia confermato che nella trattativa per l’autonomia con il Governo è argomento di stretta attualità anche la creazione di una “zona economica speciale”, con agevolazioni fiscali proprio nella fascia di confine. Questo alla luce anche della mozione, di cui ero stato primo firmatario, con cui il Consiglio regionale nell’ottobre 2013 aveva dato il via libera all’iter per l’istituzione della Zes”.

Così il consigliere regionale Francesco Dotti (e vicepresidente della Commissione speciale per i Rapporti con la Confederazione Svizzera) dopo il via libera della Giunta regionale ai ristorni 2015, ben 14 milioni di euro destinati ai territori di confine.

 

TRASPORTI, DOTTI: “Il 1° DICEMBRE FINE LAVORI ARCISATE-STABIO. SUBITO I COLLEGAMENTI COMO-VARESE”

Milano 21/11/17 - E’ ufficiale: il 1° dicembre TERMINANO I LAVORI dell’Arcisate-Stabio. Questa mattina la conferma da Rete Ferroviaria Italiana. Ecco l’ultimo crono-programma di Rfi: dal 10 dicembre tre nuovi collegamenti: S40 da Como Albate a Stabio (via Mendrisio); S10 da Como Albate a Lugano-Bellinzona (via Mendrisio) e S50 da Bellinzona a Lugano (via Stabio). Previsto un collegamento ogni mezzora tra Como-Albate, Mendrisio, Stabio e Lugano-Bellinzona. Dal 7 gennaio via ai collegamenti da Stabio a Varese, con 40 corse giornaliere Como-Varese e Lugano-Bellinzona. Questo perché a dicembre – questa la comunicazione di oggi – “saranno effettuati test di transizione dinamica per consentire ai treni di effettuare in corsa il passaggio dalla rete ferroviaria svizzera a quella italiana e viceversa. Ora Regione vigili affinché le tempistiche vengano rispettate”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), dopo la comunicazione ufficiale da parte di Reti Ferroviarie Italiane – attraverso Regione – dell’ultimazione dei lavori dell’Arcisate-Stabio.

AUTONOMIA, DOTTI: “NELLA RISOLUZIONE PER L’AUTONOMIA ANCHE L’ISTITUZIONE DI ZONE ECONOMICHE SPECIALI. MARTEDI’ IL VOTO IN CONSIGLIO REGIONALE”

Milano 2/11/17 – “Sono soddisfatto che nelle 21 pagine di risoluzione per l’Autonomia, esaminate oggi dalle Commissioni consiliari, sia stata recepita la proposta di inserire anche l’istituzione di Zone Economiche Speciali (Zes) per le aree confinanti con la Svizzera. Il testo approderà in Consiglio regionale martedì prossimo e giovedì 9 il presidente Roberto Maroni sarà a Roma per aprire la trattativa con il Governo. Tempi stretti, dunque. Un iter quello per l’istituzione delle Zes che parte da lontano e precisamente da una mozione di cui ero primo firmatario approvata dal Consiglio regionale l’8 ottobre 2013. Il 9 luglio 2014, sempre il Consiglio regionale ha poi approvato una Proposta di Legge Parlamentare (relativa all’istituzione delle Zone Economiche Special, ndr) – che giace ancora in qualche ufficio ministeriale romano. Ci tengo a rimarcare che lo scorso luglio, il Governo ha indicato una nuova strada per l’istituzione delle Zes che non passava dalla Lombardia. Le due proposte in essere erano relative alla Piana di Gioia Tauro e all’area portuale sull’asse Napoli-Salerno. Ora vogliamo dare un nuovo e importante segnale a Roma. Urgono risposte concrete”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo l’esame di oggi nelle Commissioni consiliari della Risoluzione per l’Autonomia. Martedì il voto in Consiglio regionale.

 

 

REGIONE, DOTTI: “FIRMATE OGGI DUE IMPORTANTI CONVENZIONI PER LAVORI A CLAINO CON OSTENO E BLEVIO CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO”

Milano 26/09/2017 -  “Oggi a Palazzo Lombardia sono state firmate due importanti convenzioni per lavori contro il dissesto idrogeologico. Lavori che consentiranno la messa in sicurezza di situazioni particolarmente a rischio nei Comuni di Claino con Osteno (400 mila euro il contributo assegnato) e Blevio (200 mila euro). Si tratta di interventi attesi, finanziati da Regione Lombardia con grande tempismo. Un grazie all’assessore Beccalossi, ai suoi uffici ed all’Utr di Como. Peraltro a Claino con Osteno l’intervento riguarda il versante a monte della provinciale 14, la “strada dei frontalieri”, solitamente molto trafficata”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo la firma di oggi a Palazzo Lombardia delle convenzioni tra Regione e i Comuni di Claino con Osteno e Blevio contro il dissesto idrogeologico. Gli interventi hanno visto la sinergia tra Regione e Comuni. “In attesa di fondi statali che ancora non si vedono, utilizziamo per l’ennesima volta quelli del nostro bilancio per lavori urgenti in diverse zone recentemente colpite da calamità. La Giunta Maroni è ancora da sempre in prima linea per dare sostegno concreto alle politiche di difesa del territorio dal rischio idrogeologico. Politiche che sono costose e che il Governo deve impegnarsi a sostenere, perché dopo gli stanziamenti arrivati a favore delle aree metropolitane non è stato fatto più nulla. Ma non ci sono solo le grandi città e anche i due interventi finanziati in provincia di Como dimostrano che, almeno in Lombardia il lavoro di squadra porta a risultati concreti”, aggiunge l’assessore regionale al Territorio e Difesa del Suolo, Viviana Beccalossi, dopo la firma di oggi in Regione.

ASSESTAMENTO BILANCIO, DOTTI: “DA REGIONE VIA LIBERA ALL’ODG PER L’ELETTRIFICAZIONE DELLE ZONE MONTANE”

Milano 1/08/17 - “Il Consiglio regionale, dopo un’autentica maratona per l’approvazione dell’Assestamento di Bilancio, ha dato il via libera oggi pomeriggio un mio ordine del giorno che impegna la Giunta a favorire l’elettrificazione delle zone montane. Penso ai tanti territori che a fatica lottano contro spopolamento e abbandono di pascoli e alpeggi. Peraltro nelle aree montane in cui sono stati effettuati interventi di elettrificazione – penso al Centro lago di Como – si è assistito ad un progressivo rilancio delle zone di pertinenza (pascoli, cascinali, alpeggi). E’ un risultato importante, considerato che l’ordine del giorno è stato ritenuto dall’assessore al Bilancio e dalla Giunta regionale tra quelli prioritari da approvare. Nel mio intervento in aula, ho ricordato l’importanza del “tema montagna”, senza dimenticare che la differenza – in quota come in pianura – la fanno…la voglia di lavorare e l’attaccamento al territorio. A settembre chiederò alla Giunta di definire tempi e modalità dei finanziamenti.  Il tema montagna è approdato più volte in Consiglio regionale. Ora serve un segnale importante su un tema sentito come l’elettrificazione di cascinali, alpeggi”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo il via libera del Consiglio regionale all’ordine del giorno per l’elettrificazione delle zone montane.

 

INCENDIO CHIESA MACCIO, DOTTI: “GESTO GRAVISSIMO. IL PAKISTANO VA ESPULSO SUBITO!”

Milano 29/07/17 –  ”Quanto accaduto venerdi’ pomeriggio all’interno della chiesa di Maccio (Villa Guardia, provincia di Como, ndr) rappresenta un episodio gravissimo. Gia’ venerdi’ sera avevo chiesto provvedimenti immediati per il giovane pakistano che ha dato fuoco ad una sedia e ad alcuni drappi all’interno dell’edificio religioso. Ora esigo l’espulsione immediata e nessuno cerchi giustificazioni. Gia’ entrano nelle case, adesso questo episodio all’interno di una chiesa. Aspettiamoci di tutto! Ora basta! E naturalmente, continuiamo a accoglierli numerosi come se niente fosse. Mi unisco alle preoccupazioni dei residenti. Ripeto: nessuno cerchi giustificazioni per quanto accaduto venerdì. Massima solidarietà al parroco ed alla comunità di Maccio. E per il pakistano, nessun dubbio: espulsione subito!”. Cosi’ il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo il gravissimo episodio di venerdi’ pomeriggio all’interno della chiesa di Maccio.

CAOS STATALE REGINA, DOTTI: “DA REGIONE 200 MILA EURO LA GESTIONE DELLE EMERGENZE VIABILISTICHE”

Milano 21/07/17  - “In attesa della tanto sospirata variante della Tremezzina, che tutta la popolazione del lago (e non solo) vuole, sono soddisfatto che la Commissione Bilancio – durante la seduta dedicata all’Assestamento di Bilancio (che andrà in Consiglio regionale a partire da venerdì prossimo 28 luglio) – abbia approvato un mio emendamento che stanzia 200 mila euro a favore del Comune di Tremezzina per un importante progetto di gestione del traffico. Progetto che prevede un sistema di rilevamento dei mezzi pesanti in transito (mediante appositi sensori in corrispondenza degli attuali semafori intelligenti e, in seconda istanza, con l’ausilio delle telecamere) – lungo il tratto di Regina da Argegno e Lenno. Una risposta concreta alla sofferenza quotidiana che noi del lago siamo obbligati a sopportare nell’attraversare Colonno, Sala Comacina e Ossuccio. Sono grato al presidente della Commissione Alessandro Colucci e i membri della Commissione Bilancio abbiano dato “semaforo verde” (tanto per rimanere in tema) all’emendamento. Un grazie anche all’assessore regionale al Bilancio, Massimo Garavaglia che – dopo un rapido e produttivo confronto – ha trovato tra le pieghe del bilancio le risorse necessarie a questo intervento. E’ bene rimarcare che non si tratterà di una semplice osservazione di ciò che accade lungo la Regina, bensì sarà attivato un vero e proprio sistema d’allerta – in presenza di mezzi pesanti e pullman provenienti dalle due direzioni di marcia – capace di creare le condizioni affinché non si verifichino più blocchi continui della viabilità. E’ prevista anche l’installazione di un semaforo intelligente (sempre dotato di sensori) a Spurano di Ossuccio, dove si verifica l’80 per cento degli ingorghi. Ritengo che sia state recepite le istanze del territorio, emerse anche nel corso delle varie riunioni svolte in prefettura. Toccherà ora al Comune di Tremezzina attivare le procedure in maniera rapida per dar corso all’intervento”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo il via libera della Commissione Bilancio all’emendamento – da lui presentato – che stanzia 200 mila euro per la gestione del traffico nelle strettoie del Centro lago e l’installazione di un semaforo intelligente a Spurano, dove si verica l’80% degli ingorghi lungo il tratto centro-lariano della Regina.