ELEZIONI, DE CORATO: TRASPARENZA SU CHI FINANZIA LE CAMPAGNE ELETTORALI, CIASCUNO INDICHI NOMI FINANZIATORI SU PROPRIO SITO. SARA’ MIA BATTAGLIA PER METTERLI SU RITO REGIONE SE VERRO’ RIELETTO

2 febbraio 2018

Link al sito della Regione per dichiarazioni spese elettorali: http://www.consiglio.regione.lombardia.it/wps/portal/crl/home/istituzione/I-Consiglieri/compensi-connessi-all-assunzione-della-carica/dichiarazioni-su-reddito-e-patrimonio-e-altre-informazioni

“Da anni la Regione Lombardia pubblica nel sito del Consiglio i costi delle campagne elettorali, ma non vi è alcuna possibilità di sapere chi sono coloro che vengono definiti “TERZI “ e che in molti casi finanziano le campagne elettorali.

Gli elettori hanno diritto al massimo della trasparenza.

Chiedo quindi che nel rendiconto delle spese elettorali, se ci sono stati finanziamenti dal parte di qualcuno, il finanziatore non sia più occulto ! Occorre pubblicare sul sito della Regione non solo le spese elettorali di ogni candidato, ma anche la provenienza dei soldi. Sarà la mia prima battaglia se verrò rieletto.

Il contributo economico di privati o imprese è legittimo, ma deve essere pubblico, non basta quindi dire quanti soldi sono stati dati da “TERZI “, occorre chiaramente dire chi sono e quanto hanno dato.

I cittadini hanno diritto di sapere quali interessi economici sostengono le campagne elettorali e quali candidati vengono da essi sostenuti.

Le mie campagne elettorali me le sono sempre pagate con i miei soldi ed è per questo che ho avuto SEMPRE la massima libertà e soprattutto, non avendo il supporto economico di alcuno, ho sempre dovuto rendere conto ESCLUSIVAMENTE ai cittadini e ai miei elettori.

Manca una legge che lo renda abbligatorio: sulla carta “le donazioni superiori ai 5.000 euro devono essere dichiarate insieme al bilancio”. Ma la normativa sulla privacy consente comunque di non rendere leggibili i nomi di chi non ha rilasciato il consenso. Un vulnus pericoloso, visto che in linea teorica donazioni fino a 100mila euro (il massimo consentito) potrebbero essere riscosse senza rendere pubblico il donatore. E dobbiamo evitare soprattutto che possano venire frazionate in più donazioni.

In attesa e nella speranza che una legge lo renda obbligatorio, invito tutti i candidati alla Camera, al Senato e alle Regionali a pubblicare sul loro sito se ricevono finanziamenti , da chi e di che importo. E’ importante che questo avvenga prima del voto, e non dopo perché solo così gli elettori potranno avere una informazione fondamentale per scegliere con maggiore consapevolezza!

 

Lo dichiara Riccardo De Corato, ex vicesindaco e capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia.

 

Nessun allegato disponibile in questo articolo